Walter Spin
WALTER SPIN Questa di Walter non è un’autobiografia come invece lo sono le altre pagine della sezione NOI di questo sito, ma una raccolta di ricordi di chi lo ha conosciuto “ai tempi della radio” e con lui ha collaborato e condiviso quell’esperienza. Marco Biondi Conobbi   Walter   Spinetta   a   RCL26   nel   1976,   lui   già   all'epoca   era   uno   dei   dj   più   forti   della   provincia   di   Cremona.   In   radio   era   una specie    di    direttore    artistico,    era    bravissimo.    Oltre    alla    radio    era    il    dj    della    discoteca    di    Soresina,    il    Gatto    Verde.    Fu    lui praticamente   a      insegnarmi   tutto,   mi   insegnò   le   basi   del   fare   radio,   contribuì a    crescermi    musicalmente,    mi    correggeva    quando    sbagliavo,    mi    dava consigli,   mi   istruiva   sulla   musica.   Devo   dire   che   è   stato   il   mio   primo   vero maestro.   Ed   è   stato   sempre   Walter   a   farmi   iniziare   in   discoteca   al   Gatto Verde   nel   1978.   Mi   ha   insegnato   tante   cose   ma   la   cosa   più   importante   era che   sentivo   che   mi   stimava,   nonostante   lui   fosse   miliardi   di   volte   più   bravo lui   mi   stimava   e   aveva   rispetto   di   me.   Ed   io   allora   avevo   voglia   di   imparare da lui. RCL26 è stata un'avventura fantastica che ancora oggi ci unisce. Paolo Moro Ricordo   ancora   quando   salii   le   anguste   scale   per   raggiungere   gli   studi   di trasmissione   di   RCL26,   saranno   state   le   quattro   del   pomeriggio   o   giù   di   lì, ad   accogliermi   c'era   Walter   Spinetta   che,   dopo   avermi   un   po'   illustrato   le apparecchiature   e   dopo   avermi   chiesto   che   genere   di   musica   preferivo,   a bruciapelo   mi   disse:   "Vuoi   provare   a   fare   una   trasmissione?"   e   da   lì   nacque tutto il resto. Lorenzo Rossetti Cosa    dire    del    Walter    dei    tempi    di    RCL26?    Cercherò    di    concentrare    la valanga   di   ricordi   in   una   palla   di   neve   dicendo   che   se   non   ci   fosse   stato   lui RCL26   non   avrebbe   mai   ottenuto   il   successo   che   ha   avuto.   Lui   è   stato   lo spirito   musicale   di   quella   radio,   ha   consegnato   un'anima   a   quella   mia   idea grezza    e    meramente    tecnica    di    voler    "trasmettere"    musica    agli    altri, cercando    e    forgiando    le    risorse    umane    per    realizzarla    e    soprattutto dedicandovi   il   suo   talento   e   la   sua   genialità.   In   quel   periodo   si   stava   in   radio insieme   diverse   ore   al   giorno   a   registrare   programmi   o   "live   on   air"   ma   bastava   stargli   accanto   durante   una   diretta   per   sentire   la "forza" scorrere nell'etere, invadere gli studi di trasmissione e creare un feeling fra lui e gli ascoltatori. Più   che   un   direttore   artistico   era   considerato   come   un   esempio   da   tutti   gli   altri   speaker   (o   dj   che   dir   si   voglia)   che   spesso rimanevano   in   radio   anche   dopo   i   loro   programmi   per   osservare,   imparare,   copiare   da   Walter,   e   lui   era   generoso   di   consigli   e opinioni, magari anche negative ma sempre motivate e sincere. Disponibile   alle   critiche   e   con   l'umiltà   di   chi   non   smette   mai   d'imparare   (qualità   che   ancora   oggi   possiede),   un   suo   atteggiamento che   particolarmente   mi   faceva   piacere   e   mi   onorava   era   la   sua   fiducia   nei   miei   confronti,   sia   nel   campo   tecnico   che   in   quello musicale;   mi   ricordo   che,   a   differenza   di   altri   conduttori   quali   Paolo   Moro,   Marco   Biondi,   M2   (Marco   Migliorini)   che   da   soli gestivano   la   regia   dei   loro   programmi,   Walter   richiedeva   la   mia   presenza   al   mixer,   dal   primo   Baba Yaga   che   andava   in   differita,   al Walter Show, ai programmi notturni in diretta. Il   Walter   Spin   di   oggi   invece   ha   superato   il   maestro   e   gestisce   consolle,   mixer,   controller,   luci,   effetti   speciali   e   guardaroba   in maniera multitasking e con molta disinvoltura. Joking   apart,   posso   senz'altro   affermare   che,   nonostante   la   distanza   geografica   che   oggi   ci   separa,   una   grande   amicizia   e   un profondo   rispetto   mi   legano,   ora   come   allora,   a   Walter,   e   tutto   ciò   grazie   e   soprattutto   all'esperienza   comune   di   quella   piccola emittente lombarda che in qualche modo ha segnato i ricordi più belli di tutti noi che eravamo RCL26.
RCL26 č parte del network Radionomy.com che assolve a tutti i diritti d’autore, editoriali e fonografici.
  © RCL26.it - 2017  Email: info@rcl26.it