La Storia di RCL 26
C’era una volta una piccola idea, tanto piccola da sembrare un gioco. L’idea prese forma e creò una piccola radio, tanto piccola da sembrare un gioco ma tanto bella da sconfiggere il tempo.
LA VERA STORIA DI RCL 26 ...DALLE ORIGINI... Nata da una notte di racconti con Lorenzo.   Capitolo 1° La Genesi In questo primo capitolo, lasciato alla penna di Lorenzo, si narra di come da una passione nacque ... una Radio. Ricostruiamo   i   fatti:   “A   fine   primavera   del   '76   acquistai   e   modificai   un   kit   di   un   piccolo   trasmettitore   FM   di   pochi   Watt.   Dopo   aver costruito   un'antenna   apposita   e   dopo   averlo   collegato   a   una   batteria   d'auto,   lo   piazzai   sul   tetto   della   casa   di   mio   nonno   in   via Pasini   11   (quindi   senza   nessun   amplificatore   lineare   aggiunto).   La   bassa   frequenza   era   formata   dai   seguenti   componenti: "cervello"   Davoli   utilizzato   come   mixer,   un   giradischi,   un   mangiacassette,   un   microfono,   una   radio   a   valvole   come   monitor.   Sorse però   il   problema   che,   essendo   il   trasmettitore   non   quarzato,   al   variare   della   tensione   della   batteria   variava   anche   la   frequenza   di trasmissione.   Stesso   discorso   per   quanto   riguardava   la   temperatura   ambientale,   essendo   il   suddetto   apparato   alloggiato   nella soffitta   del   nonno   Oreste,   le   variazioni   di   temperatura   producevano   lo   stesso   effetto   di   slittamento   della   frequenza.   Andai   a Milano    a    comprare    un    alimentatore    "variabile"    in    modo    da    correggere    manualmente    il    difetto    (variando    la    tensione    di alimentazione)   e   iniziarono   i   primi   programmi   "parlati".   I   pochi   dischi   che   avevamo   erano   i   nostri   e   l'unico   DJ   "parlante"   eri   tu (Marco Migliorini, al secolo: M2). Si può affermare che il primo DJ radiofonico di Soresina sei stato tu.”   Appendice al Capitolo 1° La Genesi. In   quello   scorcio   di   prim avera   del   1 976   frequentavo   Lorenzo   perchè   insieme   condividevamo   la   passione   per   la   musica. Avevamo costituito   gruppi   "sperimentali"   per   suonare   quel   genere   di   musica   che   in   quegli   anni   appassionava   tanti   musicisti.   Ricordo   in particolare   un   trio   formato   da   me   al   basso   elettrico,   Lorenzo   percussioni   e   qualsiasi   altro   strumento   capitasse   per   le   mani, Alberto   Lacchini,   sintetizzatore   autocostruito   (ovviamente   da   Lorenzo).   La   musica   psichedelica   ci   faceva   un   baffo.   Stavamo   delle ore   a   "sperimentare"   più   che   sonorità   solo   rumori   che   nascevano   da   quei   primordiali   marchingegni   elettronici.   Facciamola   breve altrimenti   partono   le   lacrime.   Volevo   solo   arrivare   a   dire   che   per   amicizia   e   passione   comune   (la   musica)   condividevo   tante   ore con   Lorenzo;   in   quello   che   per   suo   nonno   Oreste   era   un   ripostiglio   nacque   la   prima   emittente   soresinese   che   denominammo insieme   Radio   Soresina   International.   Sicuramente   non   fummo   originali,   ma   in   quei   tempi,   l'unico   riferimento   era   Radio   Milano International   ...   e   poche   altre.   Ricordo   che   avevamo   pochi   LP's   trasmettibili   perchè   nella   raccolta   di   Lorenzo,   che   era   l'unico   a possederne   un   certo   numero,   c'erano   i   Tangerine   Dream,   i   primi   Weather   Report   e   via   dicendo   ...   Lorenzo   era   avanti   già   allora ma   gli   ascoltatori   non   avrebbero   capito   nulla,   perciò   proposi   un   disco   degli   Yes   che   si   intitolava   (si   intitola   così   tuttora)   The   Six Wives   of   Henry   VIII   del   cantante   degli   Yes   e   lo   alternavamo   con   altri,   mentre   Lorenzo   cambiava   il   disco   sull'unico   giradischi esistente,   io   annunciavo   il   brano   commentandolo   brevemente   ...   tra   echi   di   sottofondo   e   ripetuti   annunci   "Prove   tecniche   di trasmissione   di   Radio   Soresina   International   al   al   al   (eco)”.   Avevamo   già   l'eco   sul   citato   amplificatore   Davoli   e   per   noi   era qualcosa    di    straordinario.    Non    sapevamo    assolutamente    se    qualcuno    ci    stesse    ascoltando,    ma    per    noi    l'emozione    era indescrivibile ... eravamo nell'etere (che non sapevo bene cosa fosse ma mi intrigava). Capitolo 2° La radio c'era e si sentiva. In    quel    periodo    al    Bar    Giardino,    al    tempo    noto    come    ritrovo    degli    amministratori    comunali    di    Soresina,    intercettarono    le trasmissioni   che   partivano   da   Via   Pasini   e   Lorenzo   fu   contattato   da   Bruno   Galelli   per   sviluppare   l'idea   di   montare   una   radio "seria" sotto l'egida dell'Amministrazione comunale in carica. Smisero    le    trasmissioni    da    via    Pasini    e    nel    frattempo    all'Osservatorio,    Lorenzo    ebbe    l'occasione    di    conoscere    Piermaria Malusardi.   I   due,   con   la   passione   comune   per   l'elettronica   e   le   nuove   scoperte,   attrezzarono   a   casa   di   Piermaria   una   seconda stazione   trasmittente   per   tentare   di   migliorare   la   prima   esperienza.   Piermaria,   impegnato   nel   tentativo   di   sistemare   l'antenna   per le   trasmissioni,   posta   sul   tetto   di   casa   sua,   cadde   rovinosamente   procurandosi   una   lacerazione   al   polso   che   dovette   suturare   con ben 12 punti. Nel frattempo maturavano i tempi per la nascita della nostra radio. Capitolo 3° Nasce Radio Compensorio 26 Lombardia (RCL 26) Gli   amministratori   comunali,   allettati   dall'idea   di   poter   utilizzare   le   nuove   tecnologie   per   diffondere   capillarmente   l'attività   della Giunta,   accelerarono   le   procedure   per   la   formalizzazione   dei   documenti   burocratici   necessari   e   costituirono   un   CdA   (Consiglio d'Amministrazione) formato da 21 componenti. Ecco l'elenco integrale "saggiamente" conservato da Lorenzo.   Angelo   Landi,   Piero   Borelli,   Luigi   “Gino”   Talamona,   Pino   Rizzi,   Vincenzo   Pino   Morosini,   La   Verde   (figlio   di   Calogero),   Lorenzo Rossetti,   Bruno   Galelli,   Piermaria   Malusardi,   Elio   Rossi,   Oscar   Dondè,   Erinio   Pini,   Sergio   Pedrabissi,   Giancarlo   Ferrari,   Stefano Priori   (tecnico   comunale),   Mauro   Sagrestano, Torresani   (papà   di   Enrica),   Gino   Rubes   (direttore ASPM),   Franco   Mainardi      (titolare della ditta Mafram), Agazzi (papà di Graziana), Ferrari (titolare della ditta Ferrari Motori Elettrici).   Dopo   aver   ottenuto   ufficialmente   l'accesso   alla   Torre   Civica,   iniziarono   i   primi   test   collocando   l'impianto   sul   tetto   più   basso   della "Torre   Littoria"   (come   la   si   chiama   ancor   oggi   a   Soresina),   sopra   le   aule   scolastiche   ed   iniziarono   così   le   prime   "prove   tecniche   di trasmissione" di Radio Comprensorio - Soresina (come diceva la voce di Maurizio Galli). Siamo già nell'autunno del '76. Fu   in   quel   periodo   che   Bruno   Galelli,   frequentando   il   Bar   Commercio   della   famiglia   Biondi   invitò   Marco   Biondi   a   far   parte   della radio.   Quella   si   rivelò   un'idea   azzeccata   sia   per   Marco   che   per   la   radio,   infatti   in   lui   scoccò   forse   la   scintilla   che   lo   portò   sempre più   in   alto   e   la   radio   ottenne   l'accesso   al   materiale   discografico   più   recente   e   più   aggiornato   (i   dischi   di   Marco   e   del   Juke   Box   del bar). Capitolo 4º ...E si parte! Nel   frattempo   stavano   arrivando   le   varie   apparecchiature   per   la   bassa   frequenza   (fornite   dalla   ditta   Allegri   di   Parma),   che vennero   provate   nel   retropalco   del   Teatro   Sociale   e   poi   trasferite   alla   Torre. Arrivò   il   banco   di   regia   costruito   nelle   officine   MEAR di   Trigolo   da   Erinio   Pini   e   da   Bruno   Galelli   e   vennero   eliminati   i   due   tavolini   di   legno   che   fino   ad   allora   erano   serviti   da   regia.   Si fecero   le   modifiche   necessarie   nei   locali   assegnatici   dal   Comune   e   precedentemente   adibiti   ad   alloggio   del   custode   (Sig. Maianti),   venne   installato   un   vetro   fra   la   sala   regia   e   la   sala   trasmissioni,   furono   posati   i   vari   cablaggi   interni   ai   locali   ed   esterni per   portare   corrente   e   segnale   BF   al   trasmettitore   (tre   piani   più   su).   Vennero   acquistati   i   mobili   e   gli   armadi   in   cui   archiviare   i dischi,   le   cassette,   i   nastri   e   le   bobine.   Nel   frattempo   Piermaria   pose   fine   alla   sua   breve   ma   costruttiva   collaborazione   per frequentare   l’Università   di   Pisa.   Verso   la   fine   dell’autunno   arrivò   il   trasmettitore   definitivo   dalla   ditta   TR   System   di   Parma.   Fu installata   l’antenna   sulla   terrazza   superiore   della   torre   a   45   m.   d’altezza   dal   suolo   ed   iniziarono   le   trasmissioni   con   i   300   Watt   di potenza del nuovo trasmettitore.    Le   trasmissioni   vere   e   proprie   di   RCL26   iniziarono   in   quel   periodo,   nonostante   l’inaugurazione   ufficiale   sia   datata   26   giugno 1977.   Bisogna   altresì   dire   che   comunque   la   radio   era   già   conosciuta   dai   soresinesi   grazie   appunto   alle   precedenti   trasmissioni amatoriali. Nota   curiosa:   inviato   di   RCL26   in   quello   scorcio   d'anno   era   un   giovane   e   sconosciuto   giornalista:   Beppe   Severgnini.   Tra   gli scoops realizzati si ricorda un'intervista a Bettino Craxi.   (Questa   è   la   genesi   della   nostra   radio;   rimango   in   attesa   di   ricevere   le   memorie   storiche   di   tutti   coloro   che   a   vario   titolo contribuirono al successo di RCL 26, per scrivere insieme la cronologia degli eventi successivi). Marco G. Migliorini - M2
RCL26 č parte del network Radionomy.com che assolve a tutti i diritti d’autore, editoriali e fonografici.
  © RCL26.it - 2017  Email: info@rcl26.it